Candu arruit pedra

Massama: pratza de cresia - de su campanili est arruta una pedraMassama mi sembra sempre più racchiudere in se tutti i problemi della Sardegna moderna, come se fosse una piccola isola nell’isola. L’abbandono della terra, la transizione incompiuta verso la modernità, il lavoro che manca, i giovani che studiano e poi partono per non tornare, i disoccupati trentenni e i pensionati cinquantenni, le case vecchie che cadono e le nuove invendute, l’ignoranza della propria storia, la speculazione e lo sfruttamento del territorio e infine la dipendenza e lo status di periferia. Massama dipende dal comune di Oristano che ha una popolazione 50 volte superiore, ad ogni elezione arrivano politici di varie estrazioni a dirci quali sono i nostri problemi e quali sono le soluzioni e nosu, mischinus de nosu, ddus creeus, si pigant is votus e scumparint e po nosu non cambiàt nudda. Se possono scaricarci un problema lo fanno senza esitazione e allora via la scuola di Massama ad assorbire il calo demografico di tutto il comune, via il carcere dal centro della città verso le campagne di Massama, il campo sportivo non lo usate? Lo dismettiamo e convogliamo le risorse verso altre strutture (a Oristano).
Dipendenti, periferici, rassegnati, impotenti.
Poi una dii is pedras de su campanili si chistionant e cuncordant una azione de disobbedienza, una si nci scavuat a terra po biri cantu nci ponint po dda torrai a collocai, po cumprendi si nei palazzi del potere si ndi acatant ca is pedras funt sàntzia sàntzia e acanta de sartiai, po biri si si ndi pigant incuru o si ant a ponni le transenne e ant a fai a scaresci.
Sa dii infatu est arribada puru la stampa, ant fatu fotografias e un articuleddu po dònnia giornali de paperi e online. Ant contau sa nova, totus cun is pròpriu fueddus postus giai giai paris paris in dònnia giornali ca pariat ca fessint totus scritus de sa pròpria Pinna e in totus si podiat ligi su chi de nosu binti e su chi non bolint biri.
Ajò un’àtera pedra.