Le ragioni di una firma per il dominio .srd

Questo guest post è stato scritto da Andrea Maccis.

Negli ultimi 10 anscritta +.srdni (e potremmo tornare ancora più indietro nel tempo) si è parlato a più riprese di di dotare la Sardegna di un proprio dominio di primo livello (.srd) per i servizi Internet, ma mentre molte altre zone d’Europa si organizzavano e infine acquisivano i loro domini (Catalogna .cat, Paesi Baschi .eus, Bretagna .bzh, Corsica .corsica o Frisia .frl solo per citare alcuni esempi) riuscendo a dare un impulso importante verso l’interno e verso l’esterno relativamente alle loro particolarità culturali, linguistiche, geografiche ed economiche e mostrandosi al mondo come delle vere “comunità di interessi”, noi abbiamo perso sistematicamente il treno.
Come primo passo della inevitabile rincorsa, da qualche settimana è possibile firmare una petizione per chiedere a ICANN (l’autorità che gestisce i nomi a dominio di primo livello) di creare il dominio .srd per la Sardegna:

.srd #puntuSRD : un dominio per la Sardegna – unu domìniu po sa Sardìnnia – a domain for Sardinia

Perché un dominio nostro?

Gli esempi esteri ci dimostrano che una esposizione di questo tipo tende a rivitalizzare le minoranze linguistiche moribonde (come la nostra), ma vista la nostra strana realtà è abbastanza probabile che internamente un discorso del genere possa essere percepito come “di nicchia” se non addirittura auto-emarginante, quindi è decisamente più interessante ragionare relativamente alle nostre attività economiche.
Perché? In effetti potremmo continuare a usare tranquillamente il .it, il .com o il .biz per la nostra presenza su Internet. Però pensiamoci, se negli affari il migliore dei mondi possibili si ottenesse competendo miscelati nel grande calderone del globo, perché il mantra del “made in Italy” verrebbe recitato con tanta insistenza? E perché DOC, DOCG e oggi DOP sarebbero delle certificazioni così preziose? Evidentemente l’origine, la differenziazione, l’ostentazione del particolare irriproducibile, portano un valore aggiunto rilevante. L’idea è semplicemente quella di far giocare la Sardegna nella Serie A di Internet. Alla fine, cos’è il sistema dei nomi di dominio della Rete se non un gigantesco “elenco telefonico” che ci permette di associare dei nomi a dei numeri? Per aspirare a divenire una meta ambita, il primo passo è accertarsi di essere conosciuti e riconoscibili. Vogliamo fortemente che ci telefonino, dobbiamo solo renderci conto della differenza sostanziale tra fornire come recapito il numero del centralino o pubblicizzare direttamente il nostro interno.

Perché le firme?

ICANN ha una procedura già interamente normata per la richiesta di nuovi domini di primo livello, quindi tendenzialmente le firme non sarebbero indispensabili, ma la petizione, come suggerito per esempio dalle esperienze di .cat e .bzh, assume un grande valore su almeno due fronti :
– pubblicizzare e rinvigorire la campagna permettendole di acquisire consenso interno;
– dimostrare l’effettiva esistenza di una reale comunità di interessi dietro al dominio (da spendere con ICANN in fase di richiesta).

Quante firme?

Dato che è molto difficile stimare un numero realmente rappresentativo dell’esistenza di una forte “comunità di interessi”, non si può far altro che basarsi su numeri raggiunti da chi ha già percorso con successo la strada del riconoscimento. I Bretoni ad esempio hanno raccolto 10.000 firme in 3 mesi per il loro .bzh e malgrado da noi le cose vadano decisamente più a rilento, perché non osare sperando di raggiungerli almeno nei numeri dato che con i tempi è impossibile? Ecco perché 10.000 firme sembrano un obiettivo interessante oltre che decisamente sfidante.

Perché .srd e non .sar o .sard o .sardegna?

La Sardegna non è uno stato sovrano, quindi, non potendo ambire a un ccTLD (country code top-level domain, un dominio di primo livello a 2 lettere) deve necessariamente ripiegare su un gTLD (generic top-level domain, un dominio di primo livello a 3 o più lettere), un tipo di dominio per il quale ICANN, da qualche anno, accetta richieste basate su particolari interessi culturali, geografici o economici. Ecco quindi che puntare sulle particolarità linguistico-culturali oltre che geografiche probabilmente potrebbe aprire a maggiori possibilità di successo e visto che srd è il codice di classificazione ufficiale della lingua sarda a 3 caratteri (ISO 639-2 e ISO 639-3) il cerchio si chiude facilmente, ricalcando il percorso seguito dai Catalani per il loro .cat.
Non bisogna dimenticare che ICANN probabilmente si aspetterà una specie di nullaosta da parte del Governo Italiano (la lettera di supporto all’iniziativa di un Ministro o qualcosa di simile) quindi l’ombra di eventuali rivendicazioni territoriali potrebbero complicare la procedura. Puntare decisamente su una positiva visione culturale dell’iniziativa, la rende politicamente inattaccabile.

Basta firmare?

La petizione è solo il primo passo per il raggiungimento dell’obiettivo, quindi, oltre che firmare è molto importante parlare dell’iniziativa al fine di raccogliere altre firme ma anche di renderla nota e forte su Internet (specialmente sui social media con l’hashtag #puntuSRD). Il riconoscimento della legittimità della nostra richiesta non può prescindere dalla dimostrazione di un effettivo interesse diffuso. Bisogna crederci ed esserne entusiasti.

Il guest blogger
Andrea Maccis si interessa di economia e gestisce il blog Sardunomics.
Sardunomics chistionat de economia, ma in sardu.

Sa rivolutzioni est a fueddai in sardu

In giganti de monti prama - pugiladoricusta Sardìnnia mali cumbinada, cun pagu traballu, cun genti chi fuit po non torrai, cun piciocus chi ni stùdiant ni traballant, cun massajus a su disisperu e crobus assortendi de dònnia logu po ndi acabai de sprupai su chi abarrat de custa carena stasia, in custa Sardìnnia sa lìngua si parit s’ùrtima de is chistionis.

Sa chistioni linguistica, cosa de pagu importu po sa bidea de sa majoria de is sardus, ca tocat a ddu nai craru is inimigus de su sardu non funt in Roma, non funt is stràngius, ma seus nosu e totu e is prus mannus funt cuddus studiaus e abistus chi mai fueddant in sardu e mai si funt postus a imparai a ddu scriri e a ddu ligi.
Abarru spantau de su tanori de brigas e certus po su sardu, cuntierras e tzèrrius po su standard gràficu e po sa pronùntzia e finas po su lèssicu, ma genti chi fueddat, scridi e ligit in sardu ndi biu e intendu sèmpiri pagu e sèmpiri prus pagu.
A logus su sardu no esistit, in sa polìtica sarda su sardu no esistit. In ofìcius, scolas, ospedalis su sardu no esistit o mi boleis nai ca bosàterus fueddais in sardu in is ofìcius púbricus, cun presidi e professoris de scola, cun mèigus de ospedalis, cun cumissus de butegas de citadi e aici nendi?
Su pagu sardu chi si fueddat est intra amigus e po cosas de pagu importu, e est unu sardu pòberu, slangiu, torrau a pagu e nudda ca sa genti non ligit, ca nemus ddu at studiau, unu sardu imburdau a mala manera cun s’italianu chi est forti ca est stètiu studiau in scola, ca benit imperau po totu e in dònnia logu, ca s’afortiat cun sa letura de lìburus, giornalis e web.
Sa genti non ligit e sa lìngua si morit e sa lìngua si morit ca sa genti non ligit e non teneus un’indùstria culturali ca sa genti non ligit e non ligit ca non est stètia imparada, is cosas funt acapiadas a pari cun d-una funi chi agangat sa lìngua sèmpiri prus a strintu.

A is chi brigant naru, lassai su brigai e poneisì a fueddai e scriei e ligei su sardu. Ligei mancai siat trumentu e traballu a primitzia, ma si boleis, a imparai si fait a lestru e ndi eis a tenni praxeri mannu e eis afortiai sa lìngua, eis a intendi boxis noas e eis a castiai su mundu a manera diferenti. Scriei in sardu, fueddai in sardu candu fait e cun chi fait, imperaidda sa lìngua e acabaidedda cun is gherras.

A is chi, oi chi est oi in su 2015, sighint a pregontai in italianu ‘quale sardo?’ naru: su sardu.
Su sardu, dònnia fueddada sarda podit essi scrita a manera normalizada, ma totu est sardu, cun fueddus diferentis e sonus diferentis ma totu est sardu. Donniunu podit cumentzai a scriri a sa manera chi ddi siat prus a discansu, donniunu podit alladiai sa fueddada de domu sua cun fueddus chi imparat de is lìburus e de is àterus sardus aici e totu comenti si fait in totu is lìnguas. Est totu sardu!

Si boleus cambiai sa Sardìnnia depeus prima de totu torrai a su sardu a sa lìngua nostra a si contai sa vida in sardu, si serbit una rivolutzioni culturali e sa rivolutzioni chi podeus cumentzai imoi a totu, como-como, est a fueddai in sardu est a cumprendi chini seus e innui boleus andai, est a si chistionai a pari in sardu ca su sardu si narat chini seus e de innui beneus ca sa terra e su celu si ddus at donaus Deus, ma su sardu ddu eus fatu nosu.

Agli italofoni monolingue vorrei chiarire che non sono in nessun modo contrario all’uso dell’italiano che amo e che è la mia lingua insieme al sardo. Odio profondamente le monoculture, il rinunciare a una parte di se stessi ritenendola inferiore, la vergogna delle proprie origini e del suono della propria lingua, l’idea che una lingua sia meglio di un’altra, l’ignoranza che non ammette la ricchezza culturale e il plurilinguismo come fattori strategici di sviluppo e crescita personale e collettiva.

Non c’è niente, ma potevamo vivere di turismo

Forse non ci abnon c'è niente nella campagna campidanesebiamo pensato, candu si chesciaus candu prangeus miséria candu ghetaus is curpas a is políticus, a su stadu, a sa mala giustítzia. Dónnia borta chi naraus ca in Sardìnnia no ddu est nudda, non c’è niente. Dónnia borta chi s’ammancat su traballu o chi su dinai est pagu, dónnia borta naraus ca non s’andat beni custa Sardìnnia, ma ita iaus a bolli de custa terra, ita totu ddi pretendeus? Fortzis, e naru fortzis at essi ca ddi pedeus cosa chi non si podit donai?
Fui fui de is biddas, fui fui de Sardìnnia, chini studiàt bessit tropu abili po is pagus traballus chi s’agatant innoi e tandu fuit, is chi abarrant s’acuntentant, is chi non studiànt preferint sa citadi a is biddas, ddis praxit prus a fai su camareri o su coxineri de su massaju.
Custa est sa Sardinnia chi teneus, citadis prenas e biddas buidas, aliga in totui.
Sa terra est a tzérrius pedendi de da traballai, tenit gana de fai, bolit genti chi si pinnichit is maingas e chi pinnichit sa schina, bolit bogai pani e binu, casu e lati, linna e palla, bolit óminis chi dda traballint, chi dda ascurtint e chi dda cumprendant, no bolit ni aliga ni cimentu e nimancu a dda bendi a stràngius po su disisperu de non ddi podi bogai profetu.

Lamentarsi è semplice, riconoscere i problemi è più difficile, immaginare un percorso che consenta di risolverli resta un esercizio intellettuale.
La politica sarda non ha ancora deciso che Sardegna proporre ai sardi. Fallita la Sardegna industriale, costruita smantellando la sardegna agropastorale, ci troviamo a navigare a vista con una azione di governo tesa a sanare emergenze e tappare falle invece che costruire per domani.

I sardi sono confusi, quale Sardegna per oggi e per domani stiamo costruendo? Chi lo ha capito alzi la mano.
Vogliamo la Sardegna del turismo, ma spiegatemi come dovrebbe essere, tipo Riviera Romagnola o tipo Sharm el-Sheikh o isola caraibica o altro, forse meglio altro, illuminatemi.

La Sardegna dei servizi e del pubblico impiego ha i posti contati e oltre al turismo dovremo iniziare a dire che serve altro, altri business piccoli e grandi o vogliamo credere alla favoletta che dice che …potevamo vivere di turismo, potevamo.
Grande, grande, grande, serve un grande core, il core business, quale dovrebbe essere il nostro core business?
Vorrei saperlo. Perchè sarà intorno a quello che costruiremo tutto il resto, giusto?
Ma calincunu, de is chi guvernant, est pentzendiddoi o sigheus a fai oi po cras e po pusti eus a bì?

Fueddus in cruxi

Chi est su chi in domu tenit schidoni de linna e ita est chi podit essi de de frori o de conca e chini furriat in sa mola? funt parigas de inditus de su giogu de fueddus in cruxi chi apu aprontau e chi podeis agatai a custa pàgina. Ddu podeis arresolvi online o imprentai.

Si su link no andat si podit scarrigai in pdf de innoi: Fueddus in cruxi

Spassiaisì e fadeimì sciri.

Bennaxi

Su chi abarrat de su campu sportivu in bennaxi de MassamaIat a bastai a cumprendi ita bolit nai bennaxi, iat a bastai a sciri ita est su bennaxi, iat a tocai a connosci unu pagu de sa giografia de sa Sardìnnia, de sa giografia de is logu nostrus, iat a tocai a dda connosci unu pagu prus a fundu.
In scola s’ant imparau sa stòria antiga e moderna e sa giografia de su mundu, ma de sa stòria nostra e de sa giografia de is logu nostrus ndi scideus pagu. Custu est unu dannu mannu meda, ca po fai beni, po arraxonai e po decidi ita boleus e ita iat essi mellus a fai non teneus s’esperientzia chi s’agiudat, s’ammancat s’imparu e su scramentu de sa stòria. S’ammancat sa connoscèntzia de is logus, de sa giografia de is logus e non cumprendeus ita est mellus a fai in d-unu logu e ita est mellus in d-unu àteru, ita si podit fai in bennaxi e ita si podit fai in gregori, ita in monti e ita in pranu, ita in mari e ita acanta de frùmini. Non connosceus is logus e sa giografia nostra duncas non teneus sa sabiesa chi iat a serbiri po arraxonai e po decidi de s’imperu de sa terra.

Scideus, ca ddu eus studiau me in scola, de su frùmini Nilu e de sa civilidadi egitzia, scideus ca custa civilidadi est nàscia e durada prus de tremila annus gràtzias a custu frùmini mannu chi bogàt unda e nudriàt sa terra e fintzas a innui arribàt s’unda si podiat traballai sa terra chi donàt frutus e lori meda e prus de una borta dònnia annu.
Narat Erodotu ”s’Egitu est un’arregalu de su frùmini Nilu”, e ddu naràt po nai ca no ddui at a essi pòtziu essi Egitu chena de su Nilu ca fut su frùmini chi iat fatu nasci e sighiat a donai vida a cussa civilidadi, su frùmini e s’opera de is òminis chi traballànt sa terra.
Eus cumprèndiu beni custa stòria ca si dda ant imparada beni me in scola, s’ant nau a fini a fini comenti s’acua de su frùmini sciundiàt sa terra e comenti custa abarràt bella e saliosa.
Pagu eus imparau e pagu scideus de sa giografia sarda. Su frùmini Tirsu est su prus mannu in Sardìnnia, prus piticu meda de su Nilu aici e totu comenti sa Sardìnnia est prus pitica meda de s’Egitu, ma mancai prus piticu su Tirsu puru bogàt unda, sciundiàt sa terra e dda lassàt bella de traballai e is òminis dda ant traballada po millenas e millenas de annus e custa terra at donau vida e at donau a papai a is sardus in sa stòria.
Sa baddi de su frùmini Nilu fut s’Egitu antigu, sa baddi de su frùmini Tirsu est su bennaxi, sa baddi bàscia de su frùmini Tirsu est su bennaxi: cussu tretu de terra anca su frùmini bogàt s’unda, sciustu e traballau dònnia annu de seculus e seculus de òminis chi biviant in biddas fraigadas oru-oru de su bennaxi, Nuraxinieddu, Massama, Siamajori, Sabarussa. Custa biddas funt asusu de sa lacana intra su bennaxi e su gregori, tenint su bennaxi a cantoni de su frùmini e su gregori a s’àteru cantoni.
Asusu de custa lacana curriat sa Via Maxima, curriat in su logu asciutu.

Fintzas a 50-60 annus a oi nemus aiat mai postu unu matoni in su bennaxi chi fut traballau pramu a pramu e a su tempus nostru est arribau lìmpiu, ìnnidu, ma in tempus nostru est arribada sa modernidadi e eus pentzau de essi onniputentis (totuboderosus), eus pentzau de essi is meris de su mundu, cun sa modernidadi eus pentzau ca non abisongiat a connosci sa stòria e sa giografia de is logu nostrus, ma cussas de su mundu mannu e i leis de sa tènnica e de s’inginneria s’iant nau ca podeiaus fai, fraigai e strantaxai òberas in dònnia logu ca sa tènnica fut avantzada su progressu fut mannu e nudda fut impossìbili po s’òmini modernu.
Duncas eus cumentzau a fai òberas fintzas in bennaxi, e candu serbiat su campu sportivu in sa bidda de Massama ddu ant fatu in bennaxi, ca sa terra fut de totus e non tocat a spendi po ndi comporai in àteru logu.
-Boleis su campu sportivu… e terra ndi teneis? Ah is argiolas est de totus, ddu fadeus innias!
Unu frastimu! Eus giogau po annus cun s’àcua a genugus e eus custrintu a is chi beniant a si biri gioghendi a benni a botas a su campu sportivu.
In su bennaxi s’àcua non benit sceti de su celu ma ndi bessit de terra puru, s’àcua caminat asuta a pilu a pilu de terra. Narànt in domu ca in d-unu masoni chi teniant in bàsciu de cresia ddoi fut unu putzu chi in s’ierru portàt s’àcua a paris terra.

Conoscendi sa terra, su logu, sa giografia, a unu òmini sabiu mai ddi iat a benni a conca de fraigai cosa, unu campu sportivu o àtera cosa, in bennaxi, po contras a pustis de annus e annus de partidas de palloni in mesu de s’àcua ant fatu sa galera puru, sèmpiri in bennaxi. Naru deu dda iant ai pòtzia fai pagu pagu prus a susu, nossi, sèmpiri ingunis dda ant posta e candu fiant giai fendidda est bessia sa cartografia p.a.i. (chi bolit nai piano assetto idrogeologico) chi narat su chi totus is chi connoscint sa terra scidiant giai, narat ca cussu non est logu po costruì e po fai nudda, narat ca cussu est logu anca s’àcua ddu est e ddu at a essi sèmpiri. Non narat sa cartografia p.a.i. ca est terra bella de coltivai, non narat ca su bennaxi totu, sa baddi bàscia de su Tirsu, est unu de is logus, fortzis piticheddu, ma unu de is logus de is prus fèrtilis e saliosus de Europa. Non ddu narat sa cartografia p.a.i. e non narat nimancu ca est unu frastimu a sperdi terra bella aici asuta de su cimentu.

Oi ita narat su cumunu de Aristanis? Is polìticus, ita narant? Cali funt is determinus chi si pigant oi?
Funt, fortzis, po imperai a sa manera prus adata custa terra? Nossi. Oi si narant ca in bennaxi tocat a fai s’ecocentru, duncas àteru cimentu, àteru frastimu.
Deu non naru ca no est de fai s’ecocentru, naru ca chi est de fai tocat a ddu fai e su comunu de Aristanis at a aciapai un’arrogu de terra po ddu fai, chi siat puru aintru de is lacanas de su comunu sconciau de Massama.
Duncas deu no naru ca custa òbera no est de fai, naru ca est de fai, ma no est de fai in bennaxi, ca cussa est terra de manigiai cun s’arau e cun sa marra e si sa populatzioni de Massama narat chi bolit unu parcu, chi bolit arburis, chi arburis siant ca totu s’ateru no andat beni, non ddoi dexit.

Bilinguismo = Rivoluzione

modello incrementale in sarduGentili Signori e Signore della politica,
scrivo in italiano, ca mi parit ca mi cumprendeis de prus, e scusate l’interferenza della lingua madre/straniera che ogni tanto si insinua nei miei pensieri e mi fait straviai de sa lingua de stadu.
Sulla questione della lingua sarda si scrive e parla tanto, spesso si ragiona di denari, de dinari comenti si narat in sardu, ma il sardo è lingua madre e le madri si amano anche quando sono squattrinate. Ecco ho detto tutto. Il sardo è madre.
Parliamo di nostra madre cercando nelle pieghe del bilancio regionale gli spiccioli per tenerla in vita, a nostra madre destiniamo gli avanzi del nostro pasto, a lei un piccolo spazio con i nostri figli nella scuola, di lei ci ricordiamo solo quando siamo in paese, di lei un pò ci vergognamo.

La cosa a mio avviso, a bisu miu, più grave è che si continua a parlare di inezie, di piccoli interventi, mentre sevirebbe una rivoluzione e la rivoluzione si chiama bilinguismo. Serve subito, adesso, imoi e totu. Non voglio dire che da domani mattina ci deve essere il bilinguismo perfetto, ma vorrei, da subito, un progetto. Vorrei un piano che ci porti al bilinguismo, in 5, 10, 20 anni, nel tempo che serve. Vorrei poter dire che i sardi hanno tracciato una strada che ci porterà al bilinguismo. Vorrei un piano per la scuola, vorrei la scuola bilingue come in Alto Adige e in Valle d’Aosta oppure spiegatemi perchè loro si e noi no, vorrei che i sardi, come gli altoatesini, potessero scegliere tra scuola italiana e scuola bilingue.
Vorrei un piano per ricostituire la comunità dei parlanti, un piano inclusivo aperto a chi ama il sardo. Vorrei un piano per far diventare trendy il sardo, vorrei sentirlo in tv e alla radio che mi racconta il mondo di oggi e non solo quello di ieri, vorrei eventi culturali dedicati alla letteratura sarda, corsi di scrittura creativa in sardo, pubbliche letture di grandi autori, reading e vernissage, vorrei che i politici sardi parlassero in sardo, vorrei che i sardi parlassero in sardo ognuno come sà e inziando a amesturai is fueddus de totu is biddas, chena de si ndi bregungiai.

Vorrei vedere un piano, un progetto, un cronoprogramma, vorrei vederlo implementare giorno dopo giorno e vorrei trovarmi tra vent’anni, si m’agatu, in una Sardegna con bilinguismo perfetto.
Custa est s’ora. Moveisindi.

Indùstria culturali

Su chistionu de s'allegaEst berus ca su sardu est una lìngua de minoria, est berus ca in sardìnnia seus pagus, est berus puru ca sa scola no imparat a scriri in sardu, est berus puru e no mi bandat beni  ca is sardus citius citius, ca ‘is apretus funt àterus’ non si funt furriaus a custa malasorti e duncas oi chi est oi, po sa majoria, is sardus funt analfabetus in sa lìngua insoru. De custu dannu mannu, ndi benint àterus, fortzis totu is àterus, ma po abarrai a su sardu ndi benit su produsimentu piticu e  pagu connotu de cultura in lìngua sarda. Podeus nai ca non teneus un’indùstria culturali in lìngua sarda, no ndi teneus ca su chi si produsit, mancai siat bonu e de sustàntzia, no est fatu a manera industriali e est pagu meda. Provaus a contai cantus romanzus bessint dònnia annu in sardu, e cantu de custus funt de scridori sardu chi siat tambeni biu e cantu de custus funt imprentaus chena de dinari pùbricu. Provaus a contai e fortzis no ndi contaus mancu unu, provaus a contai is filmis e eus a lompi a su pròpriu arresurtau.

Nci funt sardus chi scrint in italianu e ddu faint beni meda, e faint beni su chi faint, ma poita est ca funt aici pagu is chi scrint in sardu? S’arrespusta dda scint totus, est craru ca amancant i letoris. Funt pagus is sardus chi scint ligi su sardu, chi ddu ligint a lestru chena de s’introbeddai cun sa grafia chi mudat de unu scridori a s’ateru, funt pagus e po su prus ant imparau a solus.
No ddu at scritoris ca no ddu at letoris, e no ddu at letoris ca unu candu est legu no ddu scit ita si perdit antzis bivit biau.

Serbit un’indùstria culturali in lìngua sarda, ma po da fai serbit una rivolutzioni culturali, serbint sardus chi scipiant scriri e ligi su sardu, chi tèngiant gana de ligi in sardu e de castiai filmis e televisioni e de ascutai arradiu in sardu.
Serbit un’indùstria culturali in lìngua sarda ca ndi teneus abbisòngiu po su coru e po sa bussa, ndi teneus abbisòngiu po si contai e po si cumprendi e po ndi bessiri de custa bregungia antiga.
Serbit un’indùstria culturali in lìngua sarda, ma tocat a si movi sinuncas tra pariga de annus is fillus nostrus ant a intendi ca il sardo è morto e lo hanno ucciso i sardi inutile guardare altrove.

Crobus

crobus - unu crobu niedduPigaus de su scuriu anca fiaus bola bola e cuncordaus de prupa e ossus sa manu de Deus s’at calau in custa terra.
Chini scit chi siat po bona o mala sorti chi seus lómpius in cust’ísula in mesu mari, chini scit poita est tocau a nosu a essi i Sardus?
De cali aratza fut sa mesura po si ndi scerai de is àterus?
Mi pregontu e no agatu sceda, e ita eus a tenni de mancus e ita de prus chini ddu scidi?
Non sciu poita est chi seus innoi, non sciu cali siat sa tarea, ma biu ca teneus ogus chi si càstiant de atesu, ogus famius, ogus disigiosus, ogus de crobu. Candu calant is crobus portant manus chi tocant, chi segant, chi scarravonant, chi pigant, crobus cun bucas abertas chi bogant unu sonu improseri chi s’amainat.
Totu eus lassau fai a custa terra, giai mai si seus postus a travessu, eus lassau fai, eus aguantau e sigheus a aguantai, dònnia dii ndi bessit unu chi si bolit ponni meri de calincuna cosa, a chini bolit su mari, a chini s’acua, a chini sa terra, a chini su soli, a chini su bentu, fintzas su bentu si ndi bolit pigai.
Bolint totu, a nosu si càstiant ma non si bint, si càstiant ma non cumprendint ca bint e cumprendint sceti is imboddius chi faint e su sonu de su dinai. Trassant, introbeddant, pratzint, faint limusina, cuant sa beridadi, si circant gopais, si faint amigus, finas a ponni is manus anca bolint. Arribaus chi siant a sa mesa papant a strupiadura, papant e non si satzant e sighint e sighint po cantu durat sa sciala, candu ant limpiau totu scumparint e a nosu s’abarrant is pratus de lingi e su logu brutu. E nosu mudus, mancu unu mùsciu.

Coloris, colori, colors

coloris colori color saetta con colori arcobalenoSu DitzionàriuOnline narat ca is coloris funt sa diferenti bisura chi pigat sa luxi, ei sa cosa posta in sa luxi, segundu sa longària de s’unda de s’arraju de sa luxi etotu: sa luxi chi, po s’ogu umanu, tenit un’unda tropu longa o tropu curtza no si bidi; … zenias de colore: arrúbiu, asulu, biaitu, biancu, birde, brundhu, grogu, niedhu, tanadu.

Custu est su spetru cuntinu de is coloris de su circu-folla o arcu de celu (Spettro continuo dei colori dell’arcobaleno)

Rosso Arancione Giallo Verde Blu Indaco Violetto
Red Orange Yellow Green Blue Indigo Violet
Arrùbiu Aràngiu Grogu Birdi Blu Indagu Amurau
. . . . . . .

 

In sa tauledda chi sighit ddui funt is coloris prus de importu.

Coloris  English Italiano  Sardu
 White Bianco  Biancu
 Gray Grigio  Murru
 Black Nero  Nieddu
 Brown Marrone  Castàngiu
 Red Rosso  Arrubiu
 Orange Arancione  Aràngiu (colori de)
 Yellow Giallo  Grogu
 Green Verde  Birdi
 Pale Blue Celeste  Brau / turchinu
 Blue Azzurro  Asulu / Biaitu
 Navy Blu  Blu
 Pink Rosa  Arrosa (colori de)
 Purple / Violet Viola  Amurau / tanadu

Po dònnia colori nci at tonus diferentis duncas unu colori podit essi:

  • càrrigu o cotu: forti meda;
  • craru: contràriu de carrigu;
  • spramau: allutu meda, luxenti;

A su biancu e a su nieddu candu funt càrrigus ddis nant:

  • nieddu pìxidu: nieddu nieddu;
  • biancu càndidu: biancu biancu.

Po unu colori chi est pagu luxenti e pagu càrrigu si podit nai:

  • biancàciu;
  • nieddutzu;
  • grogànciu;
  • arrubiastu;
  • birdàngiu.

Cun is coloris nci bolit pagu a si cunfundi po custu nci funt standards chi stabilessint po dònnia tonu su nòmini e su coixi, unu de importu si podit cadebai in sa pàgina web colors.

Cros de su casteddu

cros casteddu: cuore rossoblu con scritta coru casteddajuIl Cagliari calcio, su Casteddu, ha lanciato la campagna abbonamenti per la stagione 2014-2015 con slogan in sardo, non sono frasi qualunque, funt dìcius, sono proverbi che appartengono alla tradizione sarda e racchiudono gocce di cultura e saggezza popolare. Finalmente, fiat ora! Su Casteddu puru fueddat in sardu.
Ne hanno parlato tutti gli organi di informazione e tutti ne sono entusiasti e non ci sarebbe niente da dire se non fosse per due aspetti che puntualmente emergono ogni volta che qualcuno scrive in sardo: lo status di lingua del sardo e gli errori ortografici.

Il sardo è una lingua come le altre, ma l’italiano è l’italiano e non la lingua, l’inglese è l’inglese e non the language, il francese è il francese, il sardo è la ‘limba’. Tutti o quasi hanno scritto di slogan in ‘limba’ per il Cagliari, scritto cosi con limba tra apici, perché? perché non dire semplicemente ‘in sardo’, perché trattare il sardo in modo diverso dalle altre lingue? Ci avete pensato signori giornalisti? Vi rendete conto che questa è una di quelle brutte approssimazioni giornalistiche, uno di quegli odiosi cliché di cui spesso abusate e che sminuiscono, smenguant, il vostro lavoro?

Parlare di errori ortografici in sardo può essere complesso, perché è noto che su certi aspetti alcuni scriventi fanno scelte diverse dagli altri, ma è anche vero che su molti aspetti siamo tutti d’accordo ed è su questi che si può parlare di errori ortografici. Vediamo di seguito gli slogan.

Chistionai pagu, traballai meda: perfetto!

Truncu ‘e figu, hastu ‘e figu: la parola hastu non esiste in nessun dizionario, la ‘e al posto di de la accettiamo con licenza poetica a tutela della musicalità della frase, la cui versione corretta è:
Truncu ‘e figu,  àstua ‘e figu

Chi no traballara po issu, no traballara mancu po is atrusu: la terza persona al modo indicativo presente si conclude con una ‘t’ per tutti i verbi; dalla parola atrusu va eliminata la vocale paragogica (l’ultima uguale alla penultima) che si pronuncia, ma non si scrive quindi la versione corretta è:
Chi no traballat po issu, no traballat mancu po is atrus

Sa domu esti pitticca, su coru esti mannu: errore sulla terza persona come sopra e troppe doppie verificare su qualunque dizionario, quindi la versione corretta è:
Sa domu est pitica, su coru est mannu

Consiglio a chi vuole scrivere in sardo di armarsi di dizionario e correttore ortografico e seguire le regole ortografiche sarà più semplice.
Il correttore ortografico CROS è disponibile, oltre che per la versione LSC, nella versione ‘altre varietà’ che consente di esprimere in una grafia normalizzata (corretta) qualunque varietà della lingua sarda.
Sulla pagina lìngua sarda ci sono i link a tutte le risorse utili.